Recensione " I giorni del silenzio" di Paula Treick DeBoard

martedì 21 marzo 2017

Titolo: I giorni del silenzio

Autore: Paula Treick DeBoard
Pubblicato: 9 febbraio 2017
Editore: Harper Collins
Genere: Thriller
Pagine: 336
Ebook: € 8,99
Cartaceo: €16,00

Trama:

Dopo la misteriosa scomparsa di un'adolescente che ha scosso la cittadina in cui viveva, Kristen Hammarstrom non è più tornata in quello sperduto angolo del Wisconsin. Aveva solo nove anni all'epoca, ma i dettagli di quei drammatici giorni si sono impressi in modo indelebile nella sua memoria. Perché l'ultimo a vedere Stacy Lemke viva è stato il fidanzato, Johnny, astro nascente della squadra di wrestling della scuola e fratello maggiore di Kristen. Nessuno aveva saputo spiegarsi l'accaduto, nemmeno le persone più vicine a Johnny, ma la disgrazia aveva scardinato la comunità e la famiglia di Kirsten aveva finito per soccombere sotto lo schiacciante peso del sospetto.
Ora, molti anni dopo, un'altra tragedia costringe Kristen e i suoi fratelli a tornare a casa e ad affrontare gli eventi devastanti che hanno cambiato il corso delle loro vite...

La mia recensione:

 "Di colpo sentii il richiamo del luogo, come la forza insistente di una calamita sepolta sotto strati d'asfalto. Era qualcosa che non sarei mai riuscita a spiegare del tutto ai miei studenti di Geografia Culturale, forse perché non potevo spiegarla nemmeno a me stessa. Il senso del luogo."

Mi piace iniziare così la mia recensione, con questa bella descrizione di Kristen Hammarstrom adulta, la protagonista del libro, sul senso del luogo su cui poi tornerò più avanti.
La storia di Kristen inizia in realtà anni prima di questa riflessione e precisamente nel 1994.
All'epoca la protagonista è un' intelligente bambina di appena 9 anni che conduce una vita serena con i genitori, la sorella Emilie e il fratello Johnny in una fattoria a Watankee, un minuscolo centro vicino a Milwaukee nel Wisconsin. Il suo piccolo mondo è racchiuso tutto in ciò che accade alla fattoria e negli insegnamenti del padre sul ciclo vitale e l'ordine naturale delle cose. 
Nulla sembrerebbe mettere in discussione la solidità di quel mondo fino a quando il fratello di Kristen, Johnny, inizia a frequentare Stacy Lemke, un' adolescente tanto bella quanto strana. La relazione tra Johnny e Stacy sembra non creare subito problemi ma con l'andare del tempo emergono le stranezze caratteriali di Stacy che iniziano a preoccupare la stessa piccola Kristen. La situazione volge drammaticamente al peggio la sera in cui, durante una bufera di neve, i due ragazzi hanno un incidente stradale e Stacy decide di rientrare a casa da sola a piedi facendo perdere le sue tracce. Per il povero Johnny e inevitabilmente per tutta la sua famiglia Kristen compresa, la scomparsa di Stacy sarà l'inizio di un periodo cupo che culminerà nello sfaldamento totale degli Hammarstrom.

Una delle cose che ho apprezzato immediatamente nel libro è il buon ritmo che ho riscontrato nella narrazione. La storia è coinvolgente e tiene il lettore col fiato sospeso fino alla fine.
Mi è piaciuto molto il personaggio di Kristen, ben delineato soprattutto nella sua versione bambina, ma anche gli altri membri della famiglia Hammmarstrom sono molto ben caratterizzati. Per quanto riguarda Stacy, l'autrice è riuscita così efficacemente nella definizione del personaggio da renderla ad un certo punto addirittura odiosa malgrado nella storia sia la vittima. La cosa che in assoluto mi ha colpito di più è proprio il senso del luogo al quale si riferisce Kristen nella riflessione che ho riportato all'inizio, quel senso del luogo che la protagonista, malgrado l'aver abbandonato l'amata fattoria e il micro cosmo di Watankee, avverte fortemente al suo ritorno e percepisce come una forza imprescindibile dalla sua volontà. Alla fine, nonostante il lungo spazio occupato dal dolore e gli anni trascorsi a dimenticare, in Kristen sarà proprio quel sentimento di appartenenza a prevalere. 
Se avete voglia di leggere un bel thriller con una storia originale e una buona struttura narrativa non perdete questo libro di Paula Treick DeBoard, resterete incollati fino all'ultima pagina.
Il mio giudizio quattro stelle su cinque.

Alla prossima!


Note sull'autrice:

Laureata in scrittura creativa all’Università del Maine, attualmente insegna composizione alla University of California, Merced e vive nella vicina Modesto con il marito. I giorni del silenzio, vincitore del Niles Library’s Tournament of Books, è il suo primo romanzo pubblicato da HarperCollins Italia.
   

Nessun commento:

Posta un commento

Translate

Powered by Blogger.
 
FREE BLOGGER TEMPLATE BY DESIGNER BLOGS